Home   >   News - Blog   > Post
POST
  • ZERODUE

SACE SIMEST - INCREMENTATE FINO AL 2026 LE RISORSE DEL FONDO 394

Tra le novità del Disegno di Legge di Bilancio 2022 recentemente approvato, assume particolare rilievo lo stanziamento di nuove risorse relative al Fondo 394, dedicato al sostegno imprenditoriale dei processi di internazionalizzazione e gestito da SIMEST. L'incremento è pari a 1,5 miliardi di euro, per ciascuno degli anni dal 2022 al 2026, per la concessione di finanziamenti agevolati, e di 150 milioni di euro (sempre per gli anni compresi dal 2022 al 2026) per la concessione dei contributi a fondo perduto.


Ricordiamo che il fondo ha come finalità tra le altre:

  • la realizzazione di una campagna straordinaria di comunicazione volta a sostenere le esportazioni italiane e l'internazionalizzazione del sistema economico nazionale nel settore agroalimentare e negli altri settori colpiti dall'emergenza epidemiologica da Covid-19, anche avvalendosi di ICE, l'Agenzia italiana per l'internazionalizzazione delle imprese e per l'attrazione degli investimenti;

  • il potenziamento delle attività di promozione del Sistema Paese realizzate, anche mediante la rete all'estero, dal Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionali e da ICE;

  • il cofinanziamento di iniziative di promozione dirette a mercati esteri realizzate d altre amministrazioni pubbliche mediante la stipula di apposite convenzioni;

  • la concessione di cofinanziamenti a fondo perduto fino al 50% dei finanziamenti concessi.

Per avere accesso ai fondi, le imprese desiderose di crescere a livello internazionale possono presentare domanda attraverso il portale telematico SIMEST, la quale, assieme a SACE fa parte del Polo dell'Export e dell'Internazionalizzazione che fa capo a Cassa Depositi e Prestiti.


Gli strumenti messi a disposizione da SIMEST tornano ad essere i sette originari che di seguito elenchiamo:

  • Patrimonializzazione delle PMI esportatrici: finalizzato al miglioramento o mantenimento del livello di solidità patrimoniale dell'impresa (inteso come rapporto patrimonio netto/attività immobilizzate nette) rispetto ad un livello limite;

  • Studi di fattibilità per l'internazionalizzazione: adatto alle imprese (in forma singola o aggregata) che intendano svolgere studi di fattibilità per valutare l'opportunità di investimenti all'estero;

  • Partecipazione a fiere e mostre internazionali: rientrano le spese per aree espositive, logistiche, promozionali e consulenziali connesse alla partecipazione a fiere o mostre all'estero, a favore di PMI (in forma singola o aggregata) e grandi imprese;

  • Sviluppo del commercio elettronico: rientrano le spese relative a creazione, sviluppo, gestione e funzionamento di piattaforme informatiche proprietarie e le spese relative alle attività promozionali e di formazione connesse agli sviluppi del programma;

  • Temporary export manager: si tratta di agevolazioni per avvalersi di prestazioni da parte di figure professionali specializzate (TEM) risultanti da apposito contratto, che devono essere pari ad almeno il 60% del finanziamento concesso;

  • Formazione del personale per l'internazionalizzazione: agevolazione a favore delle imprese per la copertura delle spese per il personale, viaggi, soggiorni e consulenze sostenute per la realizzazione di un programma di formazione del personale operativo all'estero.

Ricordiamo inoltre che sono ancora attive le tre linee di finanziamento aperte il 28 ottobre ed afferenti i settori di seguito elencati:

  • Transizione digitale ed ecologica delle PMI con vocazione internazionale;

  • Partecipazione di PMI a fiere e mostre internazionali, anche in Italia, e missioni di sistema;

  • Sviluppo del commercio elettronico delle PMI in paesi esteri (e-commerce).

La finestra di presentazione si chiuderà il 3 dicembre 2021 salvo esaurimento anticipato dei fondi a disposizione.


Fonte: ipsoa.it

19 visualizzazioni
ZERODUE2020%20logo%20black%20cons_edited

NEWS

Feed.PNG
  • Facebook_ID_dgrey
  • Linkedin_ID_dgrey