top of page
Home   >   News - Blog   > Post
POST
  • Immagine del redattoreZERODUE

REGIONE LOMBARDIA - BANDO VOUCHER DIGITALE 4.0 2024

Aggiornamento: 4 giorni fa

Con l’avvio del nuovo triennio 2023-2025 dei progetti cosiddetti 20%, sono state destinate risorse ad ambiti valutati di interesse nazionale dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy. Tra questi, la “Doppia Transizione Digitale ed Ecologica” (Piano Transizione 5.0, aggiornamento del precedente Piano 4.0) assume un ruolo fondamentale per accompagnare le imprese verso percorsi di rafforzamento degli asset dell’innovazione e della sostenibilità, con servizi di formazione, assistenza, orientamento e sostegno diretto agli investimenti delle imprese.


In questo contesto le Camere di Commercio della Lombardia, di concerto con Regione Lombardia, attraverso la nuova edizione del "Bando voucher digitale 4.0", intendono:


  • promuovere l’adozione di soluzioni, prodotti e/o servizi innovativi focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia definita nel Piano Nazionale Transizione 5.0 e in un’ottica di “doppia transizione” digitale ed ecologica;

  • sviluppare ecosistemi dell’innovazione digitale e green rafforzando la capacità di collaborazione tra MPMI e tra esse e soggetti altamente qualificati nel campo dell’utilizzo delle tecnologie 4.0, in una logica di condivisione delle tecnologie e attraverso la realizzazione di progetti in grado di mettere in luce i vantaggi ottenibili attraverso il nuovo paradigma tecnologico e produttivo.


Potranno presentare domanda per accedere al contributo le micro, piccole e medie imprese attive ed iscritte al Registro delle imprese, aventi sede operativa in Lombardia almeno al momento dell’erogazione del contributo. Ogni impresa potrà presentare al massimo una domanda.


Le risorse complessivamente messe a disposizione ammontano a 3.208.000 euro a carico delle Camere di Commercio di tutte le provincie Lombarde al di fuori di Bergamo e Pavia, per le quali sono/saranno previste misure dedicate.


L'agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto, a parziale copertura delle spese sostenute (50% dei costi ammissibili) avente le seguenti caratteristiche:


  • Investimento massimo agevolabile: 20.000 euro (importo di spesa oltre il quale il contributo rimarrà invariato);

  • Importo contributo massimo: 10.000 euro;

  • Investimento minimo: 4.000 euro (comprendente la sommatoria delle spese ammissibili da sostenere obbligatoriamente, pena la revoca del contributo).


Saranno ammissibili progetti di adozione e introduzione in azienda di tecnologie digitali 4.0, in un’ottica di “doppia transizione” digitale ed ecologica. Sono agevolate soluzioni, applicazioni, prodotti/servizi innovativi 4.0 con l’obiettivo di rispondere ai bisogni di innovazione delle MPMI lombarde tramite la digitalizzazione di processi, prodotti e servizi offerti i quali riguardino almeno una delle tecnologie di innovazione digitale 4.0 riportati nel successivo elenco 1, con l’eventuale aggiunta di una o più tecnologie ricomprese nell’elenco 1 o 2.


Elenco 1


  • Robotica avanzata e collaborativa;

  • Manifattura additiva e stampa 3D;

  • Prototipazione rapida;

  • Soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);

  • Interfaccia uomo-macchina;

  • Simulazione e sistemi cyber-fisici;

  • Integrazione verticale e orizzontale;

  • Internet delle cose (IoT) e delle macchine;

  • Cloud, High Performance Computing - HPC, fog e quantum computing;

  • Soluzioni di cyber security e business continuity (es. CEI – cyber exposure index, vulnerability assessment, penetration testing etc);

  • Big data e analisi dei dati;

  • Soluzioni di filiera per l’ottimizzazione della supply chain e della value chain;

  • Soluzioni per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività aziendali e progettazione ed utilizzo di tecnologie di tracciamento (RFID, barcode, CRM, ERP, ecc);

  • Intelligenza artificiale;

  • Blockchain. Elenco 2

  • Sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;

  • Sistemi fintech;

  • Sistemi EDI, electronic data interchange;

  • Geolocalizzazione;

  • Tecnologie per l’in-store customer experience;

  • System integration applicata all’automazione dei processi;

  • Tecnologie della Next Production Revolution (NPR);

  • Programmi di digital marketing;

  • Connettività a Banda Ultralarga;

  • Sistemi di e-commerce;

  • Soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita.


Saranno ammissibili, al netto di IVA, le seguenti tipologie di spesa:


  1. Consulenza erogata direttamente da uno o più fornitori qualificati;

  2. Formazione erogata da uno o più fornitori qualificati (non può essere esclusivamente rivolta alle specifiche tecniche dei SW/HW acquistati);

  3. Investimenti in attrezzature tecnologiche e programmi informatici necessari alla realizzazione del progetto.


Per ciascun progetto la somma delle spese indicate per consulenza e formazione dovrà essere compresa tra il 30% ed il 70% del totale delle spese ammissibili e le spese relative alle tecnologie dell'Elenco 1 dovranno essere almeno pari al 70% del totale delle spese ammissibili.


Le spese ammissibili dovranno essere sostenute e quietanzate a partire dall'8 maggio 2024 ed interamente quietanzate e rendicontate entro il 28 febbraio 2025. Non potranno essere considerati i fornitori che siano in rapporto di collegamento, controllo e/o con assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con i beneficiari, né soggetti che a loro volta presenteranno domanda per partecipare al presente bando.


In proposito, i fornitori qualificati dei vari servizi potranno essere:


  • DIH-Digital Innovation Hub ed EDI-Ecosistema Digitale per l'Innovazione, anche per il tramite delle loro articolazioni territoriali;

  • Poli di innovazione digitale;

  • Competence center di cui al Piano nazionale Impresa 4.0, parchi scientifici e tecnologici, centri di ricerca e trasferimento tecnologico, centri per l’innovazione, Tecnopoli, cluster tecnologici ed altre strutture per il trasferimento tecnologico, accreditati o riconosciuti da normative o atti amministrativi regionali o nazionali;

  • Incubatori certificati e incubatori regionali accreditati;

  • FABLAB;

  • Centri di trasferimento tecnologico su tematiche Impresa 4.0;

  • Start-up innovative e PMI innovative;

  • Grandi imprese;

  • Innovation manager;

  • Istituti tecnici Superiori (ITS);

  • Fornitori iscritti all’”Elenco pubblico di Fornitori di servizi e tecnologie I4.0”.


Le domande di contributo potranno essere presentate unicamente online, tramite l'apposito portale messo a disposizione dall'Ente, a partire dalle ore 10:00 del 22 maggio 2024 fino alle ore 12:00 del 15 luglio 2024, salvo esaurimento anticipato delle risorse a disposizione.


L’assegnazione del contributo avverrà con procedura a sportello valutativo secondo l’ordine cronologico di presentazione della domanda, fino all'esaurimento dei fondi a disposizione. A questo proposito, il procedimento di approvazione delle domande di contributo si concluderà entro 80 giorni dalla data di presentazione della domanda.


Il contributo viene inquadrato nell'ambito del nuovo regolamento "de minimis" (Reg. UE 2023/2831).



35 visualizzazioni0 commenti

Opmerkingen


ZERODUE 2020 HD v0.2.png
  • Rss Icon_Red
  • Facebook Icon Dark
  • Linkedin Icon Dark
bottom of page