top of page
Home   >   News - Blog   > Post
POST
  • Immagine del redattoreZERODUE

BANDO PARCO AGRISOLARE 2023

La misura "Parco Agrisolare" 2023, rientrante nella Missione "Rivoluzione verde e transizione ecologica" del PNRR come intervento di "Economia circolare e agricoltura sostenibile" prevede il finanziamento di interventi che consistono nell'acquisto e posa in opera di pannelli fotovoltaici sui tetti di edifici ad uso produttivo nei settori agricolo, zootecnico ed agroindustriale. Unitamente a tale attività potranno essere eseguiti uno o più interventi di riqualificazione dei fabbricati ai fini del miglioramento dell'efficienza energetica delle strutture, quali la rimozione e lo smaltimento dell'amianto dai tetti, la realizzazione dell'isolamento termico dei tetti e/o la realizzazione di un sistema di areazione.


Le risorse attualmente a disposizione risultano pari a poco meno di 1 miliardo di euro così ripartite:

  • una quota di risorse pari a poco meno di 700 milioni di euro è destinata alla realizzazione di interventi nel settore della produzione agricola primaria;

  • una quota di risorse pari a 150 milioni di euro è destinata alla realizzazione di interventi nel settore della trasformazione di prodotti agricoli in agricoli;

  • due quote pari a 75 milioni di euro ciascuna sono destinate rispettivamente alla realizzazione degli interventi nel settore della trasformazione di prodotti agricoli in non agricoli e alla realizzazione di interventi nel settore della produzione agricola primaria che eccedono i limiti dell'autoconsumo.

La misura si rivolge a:

  • Imprenditori agricoli in forma individuale o societaria;

  • Imprese agroindustriali;

  • Cooperative agricole, anche sotto forma di consorzio;

  • Soggetti aggregati.

Non saranno considerati soggetti beneficiari quelli esonerati dalla tenuta della contabilità IVA, aventi un volume di affari annuo inferiore a 7.000 euro.


I soggetti beneficiari e, in caso di presentazione di una proposta per l'autoconsumo condiviso, i soggetti consumatori, dovranno inoltre essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere regolarmente costituiti ed iscritti come attivi nel Registro delle imprese;

  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti e possedere capacità di contrarre con la pubblica amministrazione;

  • non essere soggetti a sanzioni interdittive;

  • non avere amministratori o rappresentanti che si siano resi colpevoli di false dichiarazioni suscettibili di influenzare le scelte delle PA in ordine di erogazione di contributi pubblici;

  • essere in condizioni di regolarità contributiva attestata dal DURC;

  • non essere sottoposti a procedure concorsuali;

  • non essere destinatari di ordini di recupero pendente per aiuti illegali o incompatibili con il mercato interno;

  • non essere destinatari di provvedimenti di revoca di agevolazioni concesse dal Mipaaf, ad eccezione di quelli derivanti da rinunce;

  • non trovarsi in difficoltà ai sensi del regolamento GBER.

Il soggetto beneficiario dovrà infine: realizzare gli interventi previsti sostenendone le spese; avere la disponibilità dei fabbricati su cui gli stessi interventi sono realizzati; risultare titolare dell'eventuale titolo autorizzativo per la realizzazione e l'esercizio dell'impianto fotovoltaico e firmatario, in qualità di produttore, del Regolamento di Esercizio.


I progetti finanziabili prevedono l'acquisto e la posa in opera di impianti fotovoltaici di nuova costruzione (o la creazione di una nuova sezione di un impianto esistente) con potenza di picco non inferiore a 6 kWp e non superiore a 1.000 kWp, oltre all'eventuale esecuzione di uno o più dei seguenti interventi di riqualificazione:

  • rimozione e smaltimento dell'amianto dai tetti;

  • realizzazione dell'isolamento termico dei tetti;

  • realizzazione di un sistema di aerazione connesso alla sostituzione del tetto.

In qualunque caso gli interventi eseguiti non potranno comportare un peggioramento delle condizioni ambientali e delle risorse naturali e dovranno essere conformi alle norme nazionali e comunitarie in materia di tutela ambientale.


Inoltre gli interventi dovranno essere avviati dopo la presentazione della domanda e concludersi entro 18 mesi dalla data di pubblicazione della graduatoria, salvo richiesta di proroga motivata.


Le spese ammissibili per la realizzazione di nuovi impianti fotovoltaici prevedono:

  • acquisto e posa di moduli fotovoltaici, inverter, software di gestione ed ulteriori componenti dell'impianto;

  • sistemi di accumulo;

  • fornitura e messa in opera dei materiali necessari alla realizzazione degli interventi;

  • costi di connessione alla rete.

Questi sono ammessi fino ad un limite massimo di 1.500 euro a kWp per la realizzazione dell'impianto, oltre ad un massimo di ulteriori 1.000 euro a kWp ove siano installati anche sistemi di accumulo, per i quali il contributo massimo non potrà eccedere i 100.000 euro.


Per quanto riguarda gli eventuali interventi di rimozione e smaltimento dell'amianto, gli interventi di coibentazione per il miglioramento dell'isolamento termico e quelli per la realizzazione dei sistemi di areazione, il contributo viene erogato fino ad un limite massimo di 700 euro a kWp per la demolizione e la ricostruzione della copertura e la fornitura e posa dei materiali.


Sono inoltre ammissibili, nei limiti di cui sopra, le spese di progettazione, asseverazione ed altre spese tecniche connesse al progetto, comprese quelle relative all’elaborazione e presentazione dell’istanza, inoltre, qualora siano installate colonnine di ricarica per la mobilità sostenibile e per le macchine agricole, potrà essere riconosciuto un incentivo incrementale.


L'agevolazione prevede un contributo a fondo perduto concedibile come segue:

  • Aziende agricole attive nella produzione primaria: 80% dei costi ammissibili per progetti limitati all'autoconsumo (o autoconsumo condiviso); 30% delle spese ammissibili per i progetti eccedenti il limite dell'autoconsumo, quota maggiorata del 20% in caso di piccole imprese, 10% per le medie imprese e 15% per gli investimenti effettuati nelle regioni del Mezzogiorno;

  • Aziende attive nella trasformazione di prodotti agricoli in agricoli: 80% delle spese ammissibili per impianti di potenza fino a 200 kWp, 65% delle spese ammissibili per impianti con potenza compresa tra i 200 e i 500 kWp e 50% delle spese ammissibili per impianti con potenza compresa tra 500 e 1.000 kWp;

  • Aziende attive nella trasformazione di prodotti agricoli in non agricoli ed altre imprese ammissibili: 30% delle spese ammissibili, quota maggiorata del 20% per gli aiuti concessi alle piccole imprese, del 10% per le medie imprese e del 15% per gli investimenti effettuati nelle regioni del Mezzogiorno

Le domande potranno essere presentate a partire dalle ore 12:00 del 12 settembre 2023 e fino alle ore 12:00 del 12 ottobre 2023 e la procedura di valutazione verrà eseguita secondo l'ordine cronologico di invio delle istanze. Qualora le risorse disponibili non dovessero esaurirsi a seguito della procedura a sportello, il Ministero competente potrà prorogare la fase di invio delle domande.


L’incentivo è cumulabile con altri aiuti di Stato, nei limiti previsti dalla legislazione vigente in materia e del rispetto del divieto di “doppio finanziamento” imposto dal PNRR.


Gli aiuti potranno essere cumulati altresì con altre misure di sostegno purché tale cumulo non riguardi gli stessi costi ammissibili.



14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


ZERODUE 2020 HD v0.2.png
  • Rss Icon_Red
  • Facebook Icon Dark
  • Linkedin Icon Dark
bottom of page