Home   >   News - Blog   > Post
POST
  • ZERODUE

REGIONE LOMBARDIA - SOSTEGNO AI QUARTIERI FIERISTICI LOMBARDI 2023

Si è aperta da poco la finestra di presentazione delle domande a valere sul nuovo bando di "Sostegno ai quartieri fieristici lombardi 2023", misura promossa da Regione Lombardia che intende sostenere i quartieri fieristici lombardi nella realizzazione di interventi di:

  • riqualificazione ed adeguamento delle strutture, dal punto di vista strutturale, tecnologico ed estetico, con particolare attenzione alla sostenibilità ambientale ed energetica;

  • sviluppo della gamma dei servizi offerti alle imprese e agli utenti ed incremento dei loro standard di qualità.

In particolare, la natura e l'importo degli aiuti tiene in considerazione gli effetti, sui quartieri fieristici, della crisi innescatasi a seguito dell'aggressione della Russia all'Ucraina, dovuti a:

  • aumento dei costi dell'energia per la gestione dei quartieri;

  • diminuzione di entrate a causa della riduzione dei flussi di turismo business proveniente da paesi esteri direttamente ed indirettamente colpiti dal conflitto.

Possono presentare domanda i soggetti proprietari o gestori di quartieri fieristici riconosciuti di livello internazionale e nazionale che posseggano i seguenti requisiti alla data di presentazione della domanda e fino all'erogazione dell'agevolazione:

  • soddisfare almeno una delle seguenti condizioni: essere iscritti ed attivi al Registro delle Imprese; essere iscritti al Repertorio Economico Amministrativo (REA) della Camera di Commercio territorialmente competente; rientrare nell'elenco delle Amministrazioni Pubbliche predisposto dall'ISTAT;

  • non trovarsi in stato di fallimento, liquidazione volontaria, amministrazione controllata, etc;

  • non essere soggetti a sanzioni adottate dall'UE a seguito dell'aggressione della Russia contro l'Ucraina.

In fase di domanda, i soggetti richiedenti dovranno presentare una dichiarazione sostitutiva che attesti di aver subito un incremento dei costi di esercizio in ragione dell’aumento dei costi di elettricità, gas naturale e carburante e/o una diminuzione di entrate a causa della riduzione dei flussi turistici business provenienti da paesi esteri direttamente e indirettamente colpiti dal conflitto.


La dotazione finanziaria complessiva è pari a 3,5 milioni di euro e l'agevolazione si configura nella forma di un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili, fino ad un importo massimo pari a 400.000 euro.


Sono ammissibili progetti che prevedano:

  • la realizzazione di interventi per migliorare la sostenibilità ambientale, l’efficienza dei consumi energetici, la logistica interna al quartiere, gli standard di sicurezza, la gestione degli accessi;

  • l’adozione di soluzioni tecnologiche per la gestione delle procedure di comunicazione e interazione con visitatori, espositori e fornitori e la gestione, la rilevazione e l’analisi dei flussi di visitatori;

  • l’incremento dei servizi offerti alla clientela e il loro sviluppo qualitativo;

  • l’adeguamento e il miglioramento funzionale ed estetico delle strutture e delle aree di servizio connesse;

  • la cooperazione e la sinergia tra quartieri fieristici lombardi.

Non sono ammissibili spese sostenute relative ad interventi inclusi nei progetti di dettaglio approvati e relativi al bando “Rilancio dei quartieri fieristici lombardi”.


Per ogni quartiere riconosciuto può essere presentata una sola domanda, anche nel caso in cui il soggetto proprietario ed il soggetto gestore del medesimo quartiere siano due soggetti giuridici distinti.


I progetti finanziati dovranno essere conclusi e rendicontati entro il 31 dicembre 2023.


Potranno ricevere il contributo, progetti con importo complessivo di spese ammissibili non inferiore a 50.000 euro e saranno ammesse le seguenti tipologie di spesa in conto capitale, connesse alla realizzazione del progetto presentato:

  • realizzazione di opere edili e lavori edili;

  • acquisto di arredi ed attrezzature;

  • acquisto ed installazione di impianti, macchinari e dotazioni tecnologiche;

  • acquisto e registrazione di diritti, marchi, brevetti e altre proprietà intellettuali;

  • acquisto o realizzazione di software, applicazioni e piattaforme informatiche;

  • abbattimenti delle barriere architettoniche, ulteriori rispetto agli obblighi di legge;

  • spese tecniche legate alla preparazione ed esecuzione dei lavori (progettazione, direzione lavori ecc.), fino ad un massimo del 10% del totale delle altre spese ammissibili.

Sono ammissibili le spese sostenute a partire dal 1° febbraio 2022 (fa fede la data di emissione della relativa fattura). Le spese dovranno essere sostenute direttamente dal soggetto beneficiario del bando, sia esso proprietario o gestore del quartiere.


Le domande potranno essere presentate esclusivamente online, sull'apposita piattaforma messa a disposizione dall'Ente, a partire dalle ore 10:00 del 25 ottobre 2022 e fino alle ore 16:00 del 23 novembre 2022.


La valutazione delle domande, comprendente una prima fase di istruttoria formale, seguita da una successiva valutazione nel merito (punteggio minimo 60/100), si concluderà entro 30 giorni dal termine per la presentazione delle domande e comunque non oltre il 31 dicembre 2022, o successiva data fissata dalla Commissione in sede di eventuale modifica.


I progetti con valutazione di merito non inferiore al minimo previsto saranno finanziati in ordine di punteggio ottenuto, fino ad esaurimento delle risorse. A parità di punteggio sarà considerato l'ordine cronologico di presentazione delle domande. Sarà necessario presentare una richiesta preventiva in caso di variazioni progettuali.


L'agevolazione è concessa ed erogata nel rispetto del “Regime quadro regionale per il sostegno alle imprese presenti sul territorio regionale colpite dalla crisi”.



5 visualizzazioni
ZERODUE 2020 HD v0.3.png

NEWS

Feed.PNG
  • Facebook_ID_dgrey
  • Linkedin_ID_dgrey